La terra trema

Una notte d’ estate come tutte le altre. Metti a dormire la bambina, ti accasci sul letto ed inizi a sognare. Io stavo sognando che ero a casa di mia sorella che abita in un appartamento al secondo piano di una palazzina, al contrario di me che sto al piano terra, e la mia paura in quel sogno era quale fosse la strada più veloce per scappare nel caso di un terremoto. Pochi secondi dopo, alle 3.36, vengo svegliata dal letto che si muove. Oddio penso, il terremoto. (altro…)

Share

Remmy, l’allarme salvavita 

Anche quest’anno al telegiornale è arrivata la struggente notizia di una bimba di 18 mesi dimenticata dalla mamma in auto. Genitori convinti di aver lasciato i propri figli all’asilo. Genitori sempre più di corsa, che devono gestire lavoro e famiglia e che spesso non hanno il tempo di riposarsi. Non hanno nemmeno tempo per accorgersi che nel seggiolino posteriore è seduto il proprio bambino ignaro della fine a cui andrà incontro. Non oso immaginare il dolore ed il rimpianto con cui vivranno  questi genitori, per non aver buttato uno sguardo in più sullo specchietto retrovisore. (altro…)

Share

Il Forte Altavilla

Questo agosto pazzarello ha fatto sì che Gioia prendesse la febbre. Niente di che, una leggera faringite che ci ha costretti a stare chiusi in casa un paio di giorni. Fortunatamente il tempo è  stato sempre brutto e sicuramente non saremmo andati comunque al mare. Oggi finalmente siamo usciti, ancora niente mare, visto che di mattina presto non è molto caldo ancora, e anche perché Gioia vorrebbe sicuramente fare il bagno e non è il caso. Quindi siamo andati a vedere il Forte Altavilla, che si trova vicino casa. E che io, vergognosamente, avevo visitato una sola volta. Beh che dire, bellissimo posto. Praticamente si tratta di una fortificazione realizzata dopo l’unità d’Italia per respingere attacchi terrestri e non marittimi, anche se realizzata in posizione dominante sul mare Adriatico. Adesso è diventata un parco giochi per bambini, ha un’area recintata per i cani e c’è tanto prato su cui sdraiarsi e guardare il meraviglioso panorama. (altro…)

Share

Il rumore delle cose che iniziano 

In estate adoro leggere e fare parole crociate. Potrei anche farlo durante l’anno, ma in questo periodo, complice il fatto che sono in ferie e che (Gioia permettendo) posso svegliarmi con calma, ne approfitto un po per tirar tardi la sera dedicandomi a questi passatempi. In questi giorni ho iniziato a leggere “il rumore delle cose che iniziano” di Evita Greco. Avevo questo libro che girava in casa già da un po, perché mio marito lo aveva comprato mesi fa. La scrittrice infatti è anconetana ed in più loro si conoscono, quindi mio marito non poteva proprio fare a meno di acquistarlo con piacere. (altro…)

Share

E ferie siano! 

Eccoci qua, finalmente in ferie! Tre settimane di sole e mare, nella mia meravigliosa Riviera del Conero. A dir la verità appena uscita dall’ufficio si è annuvolato e ieri è arrivata, con il suo solito tempismo, la tempesta perfetta. Stamattina uguale a ieri, quindi direi due settimane e mezzo di ferie con il sole. Comunque quando arriverà noi saremo pronti a tuffarci a capofitto in acqua. Non andremo da nessuna parte ma cercheremo di esplorare le nostre meravigliose spiagge come fossimo turisti!  (altro…)

Share

Il parco zoo

Come già sapete durante queste ferie il tempo non ci è venuto molto incontro. Sole spesso assente e cielo molto variabile, però non ci siamo persi d’animo e per passare una mattinata diversa siamo andati al parco zoo.

A Falconara, non molto lontano da casa nostra, si trova il parco zoo “paese dei bimbi” dove è possibile ammirare parecchie specie di aninali. Da questo link potete visitare il sito del Parco e trovare tutte le informazioni in merito a prezzi ed orari di apertura.  (altro…)

Share

Il porta ciuccio personalizzato

Gioia adora il ciuccio, colpa mia che gliel’ho fatto conoscere dopo i famosi “40 giorni” dalla nascita. Si dice che se dato prima crei confusione con l’allattamento. Fatto sta che lei al 41 giorno lo ha provato e le è piaciuto.

È piaciuto tanto anche a me che allattando a richiesta, come si dice ora, mi ha permesso di “respirare” qualche ora. Ed è servito a farla addormentare e risolvere così tante notti che altrimenti sarebbero state forse insonni ed evitare piagnistei nelle uscite fuori. E adesso, superato da poco i 18 mesi, è diventato il suo compagno inseparabile. (altro…)

Share

La vacanza con i bambini

Quest’anno, causa ferie non combacianti con mio marito, avevamo pochi giorni di vacanza da passare insieme. Quindi abbiamo deciso di andare a poco più di un’ora da casa, non aveva senso fare ore e ore di auto e godersi quattro giorni di vacanza.

Siamo andati in una località di mare, dove a differenza di casa nostra c’è la sabbia e l’acqua è bassa. Gioia era la prima volta che giocava con la sabbia, diciamo che ha preferito di gran lunga fare il bagno. Dove viviamo noi il mare è ben diverso, basta fare pochi passi e si trova subito l’acqua alta e non si tocca più. Dove siamo stati invece era libera di correre nell’acqua e sedersi senza rischiare di annegare. (altro…)

Share

Il bello di avere un giardino

Quando io e mio marito abbiamo comprato casa lui lavorava in proprio da poco e non aveva grandi entrate fisse quindi decidemmo di prendere un piccolo appartamento vicino casa dei miei. Abitandoci, e soprattutto con la nascita di Gioia, ci siamo resi conto poi di quanto lo spazio non basti mai. La casa è invasa da giochi e libri, ovunque si trovano pezzi di Lego e più Gioia cresce più ha bisogno di spazio. Devo dire che nel periodo primavera – estate siamo fortunati a poter sfruttare il nostro giardino. La casa magicamente si allarga. Una parte dei giochi viene spostata in giardino, senza considerare poi che Gioia ama giocare con l’acqua e fuori può usarla senza problemi. (altro…)

Share

Il mare stanca!

Mare, mare, mare, tanta voglia di arrivare li da te, da te. Eh già piacerebbe anche a me andare al mare con un asciugamano, crema solare e due riviste. Invece ogni anno con Gioia le cose da portare aumentano a dismisura. Anno scorso dovevo portare l’ovetto o il passeggino perché non camminava. Quest’anno sono senza passeggino ma in compenso ho borsa del cambio piena di cibarie, acqua e quello che serve per il cambio, borsa del mare con asciugamani, borsa dei giochi con tanti giochi, piscina già gonfiata ,salvagente e Gioia in braccio. Un vu cumprá posso assicurarvi porta meno cose di me. Considerate poi che spesso il weekend sono sola perché mio marito lavora. (altro…)

Share
Animated Social Media Icons by Acurax Responsive Web Designing Company
Visit Us On FacebookVisit Us On TwitterVisit Us On PinterestVisit Us On Instagram